Milano oggi si sveglia con l’Area C

Buongiorno Milano! Da oggi ti svegli con l‘Area C, una nuova abitudine di mobilità con cui dovrai familiarizzare a partire da oggi. Ce la farai?

In sostanza da oggi nei giorni lavorativi per andare con l’auto in centro, cioè nella cosiddetta Cerchia dei Bastioni, si dovrà pagare un “ticket” da 1, 2, 3, 4 e 5 euro a seconda se si è residenti o lavoratori e se il proprio mezzo è alimentato a benzina, gasolio o diesel.  Sono esentati tra gli altri i mezzi ad alimentazione elettrica, le bici, il car sharing e gli incassi di questo pedaggio urbano, anche definita come una vera e propria tassa, andranno tutti all’ATM, la società che gestisce il trasporto pubblico a Milano, per il potenziamento del servizio.

È lo stesso sindaco di Milano Giuliano Pisapia a spiegare sabato a Che Tempo Che Fa ai cittadini di cosa si tratta e del perché di un provvedimento che in città è inevitabilmente già impopolare. L’obiettivo principale è contenere lo smog nella città più inquinata d’Italia. Non sembra soltanto uno slogan, e anche sul sito dedicato all’iniziativa si va piuttosto nel particolare:

Nei giorni e negli orari in cui è attiva l’Area C, Atm potenzia il servizio con le seguenti modalità:

In metropolitana

  1. Potenziamento M1 con 2 treni in più nelle ore di punta
  2. Potenziamento M1, M2 ed M3 con estensione dell’ora di punta, fino alle ore 10 circa con 24 corse in più al giorno.

In superficie
1. Potenziamento sia nelle ore di punta sia nelle ore di morbida con 164 corse in più delle seguenti linee:

  • Tram: 3-15-24-27
  • Bus: 39-50-54-61-70-94

2. Prolungamenti di tre linee di superficie all’interno della cerchia dei Bastioni/Area C a supporto delle tratte più frequentate della metropolitana:

  • Bus 37
  • Bus 67 
  • Bus 74 

Ma ce n’è un altro, a medio-lungo termine, forse ancora più importante e propedeutico alla realizzazione del primo, ovvero cambiare le abitudini di mobilità dei cittadini. Come è già accaduto con il divieto di fumo nei luoghi pubblici del 2003, si tratta di un esperimento che però col tempo abbiamo introiettato: «Non si può cambiare una città in 6 mesi, ma in 5 anni sì». Credo che Giuliano ci stia dicendo di avere fiducia e che, in questo modo che all’inizio può far storcere il naso, cambierà in meglio la nostra qualità della vita: penseremo meno a prendere l’auto per andare a fare la spesa, raggiungere il posto di lavoro o accompagnare i bambini a scuola e preferiremo la comodità di più bus, tram e bici. 

Coraggio Milano! Non sarà facile da digerire, ci vorrà del tempo imparare a contenere l’utilizzo dell’auto spostandosi con i mezzi pubblici e con la bicicletta, ma per te che hai i mezzi, le risorse e le idee buone è possibile. La capacità di rinnovamento ce l’hai già dimostrata, e sei stata un esempio per l’Italia: adesso potremmo seguirti anche in questo, migliorare la nostra salute e il nostro rapporto con la città.

Annunci

Informazioni su mirtilla22

sono in tutti i luoghi e in tutti i laghi, fra padania e trinacria, marketing e velleità giornalistiche, passando per libri, foto e scritture varie, tipo questa. mirtilla22(at)gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in UNA VITA DA MIRTILLA e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Milano oggi si sveglia con l’Area C

  1. Pingback: Cose fatte nel primo week end milanese, e poi l’inatteso. | MirtillaMalcontentaMarzulla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...